In promozione

  • PortoFlamingo 9
  • Johnny DalBasso
  • ANUDO zeen
  • DuoBucolico official1
  • HMP 3
  • foto Lenula 1
  • DSC 9235
  • Scontati 2
  • Be my one 1
  • copertina FB

Giacomo Toni in Musica per Autoambulanze

Uscirà il 23 aprile per MArteLabel il primo vero disco di Giacomo Toni: Musica per Autoambulanze

copertina-giacomo-toni

Giacomo Toni ha deciso di fare sul serio. Dopo centinaia di concerti in lungo e in largo per l’Italia, sempre accompagnato dal suo insostituibile equipaggio musicale, ha raccolto le sue canzoni e le ha rese pronte all’uso.

Dal 23 aprile sarà infatti disponibile (nei negozi di musica, ai concerti e online) Musica per Autoambulanze (MArteLabel, 2013), un album che contiene dodici brani scritti e interpretati dal pianista di Forlimpopoli e dai “suoi”: Alfredo Nuti dal Portone, Enrico Giulianini Roberto Villa, Marco Frattini, Marcello Jandù Detti, Enrico Mao Bocchini e Gianni Perinelli.

Le canzoni di Toni mi hanno sorpreso – come scrive Francesco Giampaoli, produttore artistico  - ti catapultano nel racconto e quasi non  ti accorgi di quanto siano ricercate e colte parole e musica. Il suono della band è altrettanto stupefacente,  maturato in anni condivisi tra concerti e chilometri sulla strada . Nei giorni di registrazione ho cercato di far passare quanta più realtà possibile, di cogliere il disordine del furgone, abbiamo parlato a lungo di arte, di musica, abbiamo bevuto vino e continuato a parlare. In studio i brani sono stati registrati suonando assieme nella sala di ripresa, quasi sempre senza l’uso delle cuffie. Questa modalità è rischiosa ma permette di catturare gli “spazi” e le dinamiche della band cosi che la performance artistica sia espressa al massimo. “

 

Musica per Autoambulanze si fa beffe della figura del cantautore solitario e lascia che la nutrita band aggredisca e stravolga l’idea dell’autore. Fatto di fiammate ironiche, ballate romantiche e sferzate di cinismo, come se fosse un elogio della contraddizione, l’ultimo lavoro in studio di Giacomo mischia le carte in tavola e alterna sonorità schizofreniche e indiscrete a momenti d'intensità delicata,  in un’altalena di umori musicali che allenano l’orecchio e confondono il resto. Giacomo Toni urla, e il suo megafono è il pianoforte.