In promozione

  • Johnny DalBasso
  • foto Lenula 1
  • PortoFlamingo 9
  • Scontati 2
  • HMP 3
  • DuoBucolico official1
  • copertina FB
  • DSC 9235
  • Be my one 1
  • ANUDO zeen

Leo Pari - Sirèna [release 08-11-2013]

IL NUOVO DISCO DI LEO PARI 
IN USCITA L’8 NOVEMBRE

COPERTINA SIReNA

Un album che nasce dagli abissi technicolor degli oceani e racconta storie dal profondo che sanno stregare chi le ascolta.

Esce l’ 8 novembre "Sirèna", un disco prodotto ed arrangiato dallo stesso Leo Pari in collaborazione con Mr.Coffee (Niccolò Fabi, Tiromancino) e mixato da Tommaso Colliva (Calibro 35, Afterhours, Dente) "Sirèna" è il secondo capitolo della trilogia iniziata con l'ottimo "Rèsina" nel 2012.

10 nuove canzoni scritte negli intervalli tra un concerto e l'altro, dove l'ormai caratteristico sound folk di Leo Pari (le chitarre slide sono suonate da Roberto Angelini) si mescola a delicati e acquosi suoni di sintetizzatori e mellotron, e con qualsiasi altro tipo di tastiera vintage riusciate ad immaginare.

La struttura delle canzoni poi ci mostra un Leo Pari maturo, uomo fatto di pensieri e sentimenti, raffinato paroliere e osservatore trasversale della realtà che lo circonda; ma mentre in "Rèsina" le canzoni erano fedele specchio di un'unica storia d'amore, spesso tormentata, in "Sirèna" c'è un respiro molto più ampio nella visione della vita e degli intrecci affettivi. In "Sirèna", infatti, Leo Pari ci parla di amanti notturni e di sesso (Piccolo Sogno, Boogie #12), racconta con grande ironia come, finita una storia d'amore, ce ne sia sempre un'altra pronta a sorprenderci (Cara Maria); e ancora il narrare dell'Amore puro e perfetto che da sempre si ricerca (C.U.O.R.E. e la bellissima Da Tempo che chiude l'album) che sa renderci fantasiosi e visionari, tanto che "ruberemo i Diabolik dalle case al mare degli amici, costruiremo un rifugio antiatomico dove saremo felici" (La Sposa Di Cera). Infine c'è anche spazio per riflessioni esistenziali e autobiografiche (L'Uomo Niente, Assholo) dove Leo Pari ci confessa che a 35 anni è "meglio una vita salutare che salutare la vita".